“Mafie in Piemonte”: il 16 maggio il secondo webinar promosso da Compagnia di San Paolo insieme ad Avviso Pubblico, Libera e Regione Piemonte

Dopo il successo del 9 maggio, prosegue il ciclo di incontri “BENI IN RETE 3.0: Obiettivo Piemonte”, promosso dalla Compagnia di San Paolo in collaborazione con Avviso Pubblico, Libera Piemonte e Regione Piemonte. Il secondo incontro punta a sviluppare

Il secondo appuntamento online è per martedì 16 maggio, dalle 11.00 alle 12.30 con l’incontro “Strumenti, procedure e dati sulla confisca e il riutilizzo dei beni confiscati”. Il webinar sarà focalizzato sulle procedure amministrative necessarie per il riutilizzo di questi beni, procedure burocratiche complesse e che spesso sono di difficile comprensione.

Nel corso dell’appuntamento si discuteranno inoltre le pratiche di gestione e si forniranno esempi concreti su come individuare e utilizzare i dati essenziali per la creazione di progetti di riutilizzo. Questo webinar intende infatti contribuire a superare la sfida comune di accedere a dati, informazioni e normative spesso difficili da reperire, fornendo strumenti e metodi pratici per facilitare il processo.

Intervengono:

  • Simona Enrica Ronchi, Agenzia Nazionale Beni Sequestrati Confiscati – “La funzione dell’Agenzia Nazionale Beni Sequestrati Confiscati, dalla confisca di primo grado all’assegnazione”
  • Stefania Pellegrini, Docente dell’Università di Bologna e Direttrice del Master “Pio La Torre” su gestione e riutilizzo dei beni confiscati – “Come gestire i beni confiscati: illustrazione del vademecum per gli enti locali della Commissione Parlamentare Antimafia”
  • Claudio Forleo, Responsabile dell’Osservatorio parlamentare di Avviso Pubblico – “Le fonti di informazione sui beni confiscati: illustrazione e dimostrazione pratica di utilizzo”
  • Andrea Turturro, Libera Piemonte – “Il Geoblog come fonte di informazioni georeferenziate sui beni confiscati”

Per seguire il webinar clicca qui

Il progetto ha l’obiettivo di fornire informazioni sull’evoluzione della presenza mafiosa e il radicamento attuale delle mafie in Piemonte e illustrare la normativa vigente e gli strumenti statali, regionali e filantropici per il riutilizzo dei beni confiscati per finalità sociali e istituzionali. E prevede un percorso di formazione innovativo e utile a sostenere gli enti interessati a recuperare e riutilizzare beni confiscati alle mafie in Piemonte, in vista del bando regionale di prossima pubblicazione, attraverso la realizzazione di quattro webinar.

Scarica la locandina

  • Webinar 23 maggio h 11-12.30Dalla richiesta di interessamento dell’Agenzia Nazionale dei Beni Sequestrati Confiscati al riutilizzo: pratiche ed esperienze. Nel corso del terzo webinar si esamineranno le esperienze di amministrazioni locali e organizzazioni che hanno già affrontato la gestione di beni confiscati. Si discuteranno approcci innovativi per la co-progettazione e la creazione di reti e alleanze finalizzate al riutilizzo efficace di questi beni. Inoltre, verranno presentate nuove modalità di gestione condivisa, particolarmente adatte ai piccoli comuni, e si esploreranno soluzioni a sfide procedurali comuni che possono sorgere durante il processo di riutilizzo.
  • Webinar 30 maggio h 11-12.30: Progettazione e fund raising per il riutilizzo dei beni confiscati. L’ultimo webinar è dedicato al rafforzamento delle competenze progettuali e alle metodologie di fundraising. Questa sessione vedrà l’intervento di esperti tecnici, amministratori e rappresentanti del terzo settore, che condivideranno le loro esperienze e conoscenze, fornendo così una panoramica ricca e variegata sulle migliori pratiche in questi ambiti cruciali.

Per consultare i programmi dei singoli appuntamenti visita questo link.

Condividi