“POLITICA RESILIENTE”: SUL QUOTIDIANO DOMANI TUTTE LE STORIE DEI SINDACI IN PRIMA LINEA

La guerra alla camorra del sindaco Renato Natale, i comuni antiusura, le mense anti caporalato, gli amministratori minacciati perché combattono gli interessi dei clan sui territori, i sindaci antievasione e le aziende confiscate diventate esempio di buona amministrazione. E poi ancora i sindaci due volte in prima linea contro il covid e contro le cosche locali, le città dei diritti e dell’accoglienza, le tribune e i parchi della legalità e le politiche culturali come argine contro la mentalità criminale.

Queste sono solo alcune delle storie di donne e di uomini che abbiamo voluto raccontare in una piccola collana di cronaca narrativa intitolata “Politica resiliente” sul quotidiano Domani. È qui che periodicamente raccogliamo le vicende personali e politiche delle amministratrici e degli amministratori locali che ogni giorno praticano concretamente l’antimafia con onore e responsabilità.

Politica resiliente, la guerra di Renato Natale alla camorra e al Covid-19

Enti locali contro l’usura: «Grimaldello in mano alle mafie al tempo del Covid»

Mense anti caporalato, una buona pratica per mettere al bando le agromafie

La battaglia del sindaco di Monte Sant’Angelo contro la mafia foggiana

Non esistono isole felici: il condizionamento mafioso della Valle d’Aosta

Se il sindaco fa la lotta all’evasione

Se le terre occupate dalla mafia diventano un’azienda agricola gestita dal comune

Dalla squadra di calcio ai b&b inclusivi: il riutilizzo dei beni confiscati

La cultura come strumento chiave di lotta alle mafie

Il comune che sostiene le piccole e medie imprese sottraendole agli strozzini

Criminalità e pandemia, un sindaco due volte in prima linea

Un “titolare effettivo” per mandare in panchina la corruzione

La “Città dei diritti”, dell’accoglienza e della cultura dell’antimafia

Gioco d’azzardo patologico, quella legge che funziona ma rischia di sparire

La tribuna della legalità: a Bologna il calcio ricorda le vittime della mafia

A Verona una rete di legalità organizzata per prevenire le mafie

I pericoli dell’imminente campagna elettorale tra minacce e pochi candidati

#SoloVotiPuliti, l’appello antimafia degli enti locali per le elezioni

Gazoldo, come un piccolo paese è diventato crocevia dell’antimafia

Quando la tana della “volpe” diventa la casa dell’antimafia

Piantare un albero come simbolo dell’antimafia

Condividi