Molotov contro un bene confiscato alle mafie a Trezzano sul Naviglio (Mi). Avviso Pubblico: “Un gesto gravissimo contro tutta la comunità”

Nella notte di sabato 11 giugno 2022 qualcuno ha gettato una bottiglia incendiaria nel cortile del bene confiscato alle mafie di via Pitagora a Trezzano sul Naviglio. Fortunatamente non sono stati provocati danni né alla casa né alle persone che dormivano in casa, grazie al tempestivo intervento dell’educatore e dei ragazzi dell’associazione Villa Amantea che gestisce il progetto di accoglienza di minori stranieri non accompagnati.

Fermissima la condanna del sindaco Fabio Bottero, coordinatore regionale di Avviso Pubblico: “Un atto gravissimo che condanniamo in modo fermo. Colpire un bene confiscato alle mafie, oggi vivo grazie alle attività di un’associazione che ospita ragazzi minori non accompagnati, significa colpire tutta la comunità e il bene comune”.

“Ringrazio l’associazione Villa Amantea – aggiunge il sindaco Bottero – per il progetto che quotidianamente porta avanti con i ragazzi e per il presidio di legalità in via Pitagora: proprio grazie all’intervento dell’educatore e dei ragazzi non ci sono state conseguenze per un gesto che giudichiamo comunque gravissimo. Ci affidiamo alle attività di indagine dei Carabinieri di Trezzano per capire gli autori e le cause di questo attacco a un bene comune, alla nostra comunità. Proprio ieri con i ragazzi di Libera, del Consiglio comunale delle ragazze e dei ragazzi e della stessa associazione Villa Amantea abbiamo ripulito un altro bene confiscato, l’ultimo assegnato al nostro Comune in via Morona, mentre al Centro Tognazzi in questi giorni i volontari del Grupifh si danno da fare per Birreficenza, arricchito quest’anno dagli artisti arrivati da ogni parte del mondo per il festival Urban Giants Graffiti. È questa la Trezzano che ci piace, che ci arricchisce, che ha a cuore il bene comune”.

Avviso Pubblico nel condannare fermamente questo gesto vigliacco, invita inoltre le autorità competenti a fare luce il prima possibile sugli autori.

Condividi