Vandalizzate tre scuole a Casal di principe. Il comunicato di Avviso Pubblico

Nel tardo pomeriggio di giovedì 16 novembre, a Casal di Principe, tre scuole sono state contemporaneamente vandalizzate. Ignoti sono entrati in tre plessi scolastici ed hanno distrutto banchi, imbrattato muri, rotto finestre e porte, non portando però via nulla.

Tutto questo è accaduto proprio durante l’incontro di apertura della Festa nazionale di Avviso Pubblico che si è svolto al ‘Teatro della Legalità’.

“Nel condannare fermamente quanto accaduto, Avviso Pubblico esprime piena solidarietà e vicinanza ai dirigenti scolastici, ai ragazzi delle scuole, al sindaco Renato Natale, all’amministrazione comunale e a tutta la cittadinanza – ha dichiarato Roberto Montà, Presidente di Avviso Pubblico e Sindaco di Grugliasco. E’ un episodio inquietante e preoccupante che ci dimostra come ancora ci sia molto da fare, soprattutto sul piano culturale”.

“Come sottolineava Antonino Caponnetto ‘la mafia teme la scuola più della giustizia’ e questi vili fatti lo confermano pienamente. Le mafie hanno paura di una società libera, solidale, in cui prevalgono la legalità e la giustizia, proprio quella che concretamente cerca di costruire il primo cittadino di Casal di principe dando segnali di rottura forti e chiari contro tutte le forme di criminalità organizzata e mafiosa”.

“Una legalità che viene quotidianamente praticata con gesti concreti, nell’antimafia del giorno per giorno, sostenendo le cooperative impegnate nel riscatto sociale e lavorativo, proponendo economie alternative come quelle che si stanno affermando nella gestione di alcuni beni confiscati – di cui l’ultimo proprio ieri è stato consegnato dall’amministrazione alla Caritas – ospitando la nostra Festa nazionale, trasmettendo ai giovani e alla cittadinanza i valori della legalità, della solidarietà, della responsabilità”.

“Siamo fiduciosi – conclude il Presidente Montà – che gli organi inquirenti sapranno fare luce in tempi rapidi su quanto accaduto ed invitiamo tutti coloro che sanno a collaborare con le Istituzioni”.

 

 

 

Condividi