Direzione Investigativa Antimafia: sul sito di Avviso pubblico la sintesi della relazione sul 2° semestre del 2018

Il Ministro dell’Interno ha trasmesso alle Camere la Relazione sull’attività svolta e sui risultati conseguiti dalla Direzione Investigativa Antimafia nel secondo semestre 2018, che analizza in dettaglio l’evoluzione dei diversi gruppi criminali, sottolineando i risultati dell’attività di contrasto e le misure necessarie per una più efficace lotta alle organizzazioni mafiose. Sull’Osservatorio Parlamentare di Avviso Pubblico è disponibile una sintesi della relazione, così come delle precedenti.

Nella Relazione la DIA evidenzia l’enorme potenzialità criminogena della ‘Ndrangheta e uno stato generale di criticità per Cosa nostra, legato in particolare alla riorganizzazione interna. Gli investigatori descrivono inoltre lo stratificato universo della Camorra, tra clan dal potere consolidato e un “sottobosco di gruppi” spesso tra loro in conflitto, e le più recenti evoluzioni nel panorama della criminalità pugliese.

Uno specifico approfondimento è infine dedicato alla criminalità nigeriana, con l’obiettivo di conoscerne meglio i tratti e quindi valutarne la potenzialità criminale.

Si ricorda che sul sito di Avviso Pubblico è altresì disponibile un’ampia ricostruzione della normativa (statale e regionale) di contrasto delle organizzazioni mafiose, unitamente ad un’analisi del sistema di prevenzione delle infiltrazioni mafiose nell’economia disciplinato dal Codice antimafia.

Condividi