Siglato protocollo d’Intesa tra Avviso Pubblico e Alleanza delle Cooperative: insieme contro le false cooperative

_DSC1110Questa mattina, martedì 6 ottobre, a Roma, presso la Sala stampa della Camera dei deputati, è stato firmato un Protocollo d’Intesa tra Avviso Pubblico e l’Alleanza delle Cooperative Italiane.

“Il Protocollo d’Intesa firmato oggi– dichiara Fosca Nomis, referente nazionale di Avviso Pubblico per le Cooperative e per la Regione Piemonte – sancisce l’avvio formale di un’importante collaborazione tra l’associazione Avviso Pubblico e l’Alleanza delle Cooperative Italiane, già avviata negli scorsi mesi.

Abbiamo lavorato insieme con successo per raccogliere le firme necessarie a presentare una legge di iniziativa popolare contro le false cooperative e ora vogliamo continuare un percorso comune, condiviso dai vertici nazionali dei due Enti, per affermare i valori della legalità nelle Istituzioni, nell’economia e nella società civile.

Coinvolgeremo i Comuni e le Regioni che aderiscono ad Avviso Pubblico (oltre 300) in una campagna per un’economia ‘pulita’, che promuova concorrenza leale, burocrazia semplificata ed efficiente, creatività e crescita, legalità e trasparenza. Per tutelare le imprese sane e i lavoratori e le lavoratrici nel settore della cooperazione.

_DSC1122Organizzeremo insieme – conclude Nomis – iniziative presso gli Enti Locali e lavoreremo per raggiungere gli obiettivi proposti nella legge di iniziativa popolare: cancellare dall’Albo delle Cooperative le imprese che non siano state sottoposte alle revisioni/ispezioni; definire un programma di revisioni e ispezioni; prevedere la tempestiva comunicazione dello scioglimento delle cooperative all’Agenzia delle Entrate, per contrastare il fenomeno di cooperative che nascono e cessano l’attività nel giro di pochi mesi, accumulando debiti nei confronti dell’Erario e falsando il mercato; istituire una cabina di regia al Mi.S.E. che coordini i soggetti chiamati a vigilare sulle cooperative, evitando sovrapposizioni e duplicazioni di adempimenti”.

“Con l’accordo siglato con l’Alleanza delle Cooperative Italiane – dichiara Paolo Masini, vicepresidente di Avviso Pubblico – consolidiamo il rapporto tra Avviso Pubblico e il mondo della cooperazione, con l’obiettivo di espellere dal mercato tutte quelle false imprese che non rispettano le regole, esercitano una concorrenza sleale e umiliano il valore del lavoro delle persone. Un legame importante perchè mette in atto le buone pratiche, valorizzando esperienze concrete e significative da sempre all’attenzione di Avviso Pubblico. Questa proposta, che non a caso è popolare e ha avuto subìto una spinta e il sostegno degli amministratori, va in questa direzione e può essere un punto di rilancio per rimettere il treno sui binari e ridare quella dignità che il mondo cooperativistico merita, che è uno dei pezzi della spina dorsale del nostro Paese.

All’interno delle Istituzioni così come nella cooperazione è necessario porre in primo piano legalità e trasparenza, per prevenire e stroncare fenomeni di infiltrazioni mafiose, mettendo in atto strumenti concreti di prevenzione contro corruzione, mafie e malaffare, così come previsto dal Protocollo d’Intesa firmato a Roma il 6 ottobre 2015”.

“Siamo vicini alle 70.000 firme e puntiamo alle 80.000. Per chi cerca scorciatoie alla legalità non c’è spazio nell’Alleanza delle Cooperative. Con le istituzioni e con gli enti locali siamo in prima linea per contrastare la criminalità diffusa in troppi settori dell’economia e presente su tutto il territorio nazionale”. Così Rosario Altieri, presidente dell’Alleanza delle Cooperative e i copresidenti Maurizio Gardini e Mauro Lusetti commentano la sigla del protocollo  di collaborazione con Avviso Pubblico.

[button size=”medium” link=”https://www.avvisopubblico.it/home/wp-content/uploads/2015/10/avvisopubblico_alleanzacooperativeitaliane_protocollodintesa_controfalsecooperative_20151006.pdf” type=”wide” linking=”new-window”]Scarica il Protocollo d’Intesa[/button]
Condividi