VIII° Edizione “Riconoscimento Pio La Torre”: il 13 settembre, a Bologna, il conferimento del Premio organizzato da Avviso Pubblico, CGIL e FNSI

Torna il Premio dedicato alla memoria di Pio La Torre, sindacalista e parlamentare, noto per il suo impegno sui temi della lotta alla mafia, per la pace, la democrazia e la legalità, ucciso a Palermo il 30 aprile 1982, assieme al suo collaboratore Rosario Di Salvo.

Promosso da Avviso Pubblico, Cgil nazionale e Federazione nazionale della Stampa italiana, il premio vuole valorizzare, con riconoscimenti e menzioni speciali, casi ritenuti di alto valore civile e politico aventi come protagonisti sindacalisti, amministratori locali, dipendenti pubblici e giornalisti che, svolgendo la loro attività, si sono particolarmente distinti nella difesa della democrazia, nella prevenzione e nel contrasto alle mafie, alla corruzione, all’illegalità e per la diffusione di una cultura della legalità e della responsabilità.

La data simbolo del premio è il 13 settembre: il giorno in cui, nel 1982, è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale il testo della legge n. 646, meglio nota come legge Rognoni-La Torre, con la quale per la prima volta veniva introdotto nell’ordinamento italiano il reato di associazione a delinquere di tipo mafioso e la confisca dei patrimoni illecitamente accumulati da parte di coloro che si erano macchiati di tali reati.

La cerimonia dell’ottava edizione del riconoscimento si terrà Venerdì 13 settembre 2024, a Bologna, all’interno della Summer School promossa dall’Università di Bologna. Non appena sarà definito il programma sarà nostra cura inserire tutti i dettagli

«Il conferimento del riconoscimento alla memoria di Pio La Torre – rilevano i promotori – intende evidenziare come nella società civile e nel mondo delle professioni che rappresentiamo vi siano persone, sindacalisti, giornalisti, amministratori locali, che con passione, coraggio e competenza, esercitano questa azione: sono i nostri anticorpi contro l’illegalità, che vanno coltivati, sostenuti e riconosciuti».

Condividi