Qui di seguito sono sinteticamente riportati gli atti di indirizzo e di controllo, il cui iter parlamentare si è già concluso, riguardanti diversi profili della lotta alla criminalità organizzata. Apposite schede, che riportano anche gli atti di sindacato ispettivo non ancora conclusi, sono state realizzate con riferimento ai beni confiscatiallo scioglimento dei comuni per mafia, agli amministratori oggetto di intimidazionial gioco d’azzardo, al fenomeno del caporalato e all’applicazione della legge Severino sulla incandidabilità.


MAFIA CAPITALE

Il Ministro della Giustizia ha svolto alla Camera, il 25 giugno 2015, un’informativa urgente sull’indagine giudiziaria nota come “mafia capitale”, che ha avuto oggetto le risultanze attuali delle pronunce dell’autorità giudiziaria e le misure adottate da Governo e Parlamento (e quelle ancora in discussione) per contrastare le illegalità ed assicurare la trasparenza della pubblica amministrazione, a partire dalla gestione degli appalti. Nel corso del successivo dibattito sono intervenuti deputati in rappresentanza di diversi gruppi parlamentari. Sullo stesso tema vedi anche la risposta del 7 luglio 2015 del sottosegretario all’interno all’interrogazione 4-03134 con l’illustrazione delle misure adottate come conseguenza delle indagini giudiziarie su Roma Capitale e su altri 4 comuni coinvolti (Castelnuovo di porto, Sant’Oreste, Sacrofano e Morlupo).


RELAZIONE ANNUALE SULLA GIUSTIZIA

Ogni anno Camera e Senato discutono le comunicazioni del Ministro della Giustizia alla relazione annuale sull’amministrazione della giustizia, che hanno riguardato anche le misure già approvate – e quelle in corso di discussione – per contrastare la corruzione, le organizzazioni criminali ed i patrimoni illeciti. L’ultima discussione ha avuto luogo il 18 gennaio 2017 in entrambi i rami del Parlamento e si è conclusa con atti di approvazione della relazione governativa (clicca qui e qua). Nel 2016 si è svolta alla Camera il 20 gennaio  e al Senato il 21 gennaio (leggi la Nota di sintesi ed in particolare il paragrafo 7.1) Al termine del dibattito sono state approvate le risoluzioni presentate dalla maggioranza nonché la risoluzione Camera 6-00196 e le risoluzioni Senato n. 3 e 5 (clicca qui). Nel 2015 Camera (seduta del 19 gennaio) e Senato (sedute del 19 gennaio e 20 gennaio) hanno discusso le comunicazioni del Ministro della Giustizia (vedi in particolare il paragrafo 7.2): anche in questo caso, le Camere hanno approvato le risoluzioni di maggioranza (per le altre risoluzioni in parte approvate dal Senato clicca qui).


APPALTI – CERTIFICAZIONI ANTIMAFIA

Leggi questa scheda


BENI CONFISCATI

Leggi questa scheda


CAPORALATO

Leggi questa scheda


CONTRAFFAZIONE

Il Sottosegretario per la Salute ha risposto alla Camera, l’11 luglio 2017, all’interpellanza 2-01554 sul sistema di tracciabilità dei farmaci atto a contrastare il fenomeno della contraffazione e degli altri illeciti nel comparto dei farmaci.

Il Ministro per l’Agricoltura ha risposto alla Camera, il 1° marzo 2017, all’interrogazione 3-02832  sulle misure per la difesa del made in Italy, con particolare riferimento al concentrato di pomodoro

Il Ministro per lo sviluppo economico ha risposto l’11 gennaio 2017 alla Camera all’interrogazione 3-02683  sulle iniziative per contrastare il fenomeno della contraffazione

Il 13 settembre 2016 il rappresentante del Ministero della salute ha risposto in Commissione Attività produttive della Camera all’interrogazione 5-09248, incentrata sulle misure per contrastare la contraffazione, con particolare riferimento ai prodotti sanitari.

Il 27 luglio 2016  il sottosegretario per lo sviluppo economico ha risposto all’interrogazione 5-08973 sulla tracciabilità dei prodotti nel settore della moda.

Il 26 luglio 2016 il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri ha risposta alla Camera all’interrogazione 3-02417 riguardante le misure allo studio a livello europeo per contrastare la contraffazione via internet, con particolare riferimento alla responsabilità dei provider.

Il 15 marzo 2015 il vice Ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali ha risposto alla Camera all’interrogazione 3-00991 sulle misure per contrastare la contraffazione nel comparto dei prodotti biologici

Il 3 febbraio 2016 il vice Ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali ha risposto al Senato, in Commissione Agricoltura, all’interrogazione 3-02321 sulla contraffazione del marchio “prosecco”.

Il Ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali ha risposto alla Camera, il 4 novembre 2015, alle interrogazioni 3-01815 e 3-01816 sulla tutela del made in Italy.

Il sottosegretario all’Interno ha risposto il 31 luglio 2015 all’interrogazione a risposta scritta 4-05608 sull’azione delle forze dell’ordine per contrastare un gruppo di emigranti che vendeva prodotti contraffatti a Jesolo.

Il Vice Ministro dello sviluppo economico ha risposto il 22 maggio 2015, alla Camera, all’interpellanza 2-00966 riguardante la tutela del made in Italy, riferendo sulle trattative in corso a livello europeo sulla   proposta di regolamento in materia di sicurezza dei prodotti di consumo e, in particolare, sull’articolo 7, concernente l’etichettatura obbligatoria dei prodotti cosiddetti made in.

Il rappresentante del Ministero dello sviluppo economico ha risposta in data 6 maggio 2015, presso la X Commissione della Camera, all’interrogazione 5-04043, esponendo le linee d’azione del Governo, anche a livello comunitario, nella lotta alla contraffazione e per la tutela del made in Italy.

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali ha risposto per iscritto al Senato, il 23 aprile 2015, all’interrogazione 4-03238 sulla tutela del prosecco italiano contro frodi e contraffazioni.

Nell’ambito della discussione alla Camera sugli atti di indirizzo riguardanti Expo 2015 e la Carta di Milano sono stati affrontati anche i temi dell’infiltrazione nei processi produttivi agricoli della criminalità organizzata, della lotta alla contraffazione alimentare e della tutela del made in Italy: vedi in particolare la  mozione 1-00769 (sedute dell’8 aprile 2015 e del 23 aprile 2015).

Il Governo ha risposto il 6 marzo 2015 all’interrogazione a risposta scritta 4-04883 sull’azione delle forze dell’ordine per contrastare alcune organizzazioni criminali che operano in Italia, con particolare riferimento alla vendita di prodotti contraffatti.

Il sottosegretario per lo sviluppo economico ha risposto il 5 marzo 2015 all’interrogazione a risposta scritta 4-02097 sulle misure di contrasto della contraffazione nel settore tessile.

La Camera ha approvato il 10 luglio 2014 alcune mozioni riguardanti la tutela del made in Italy.

La Camera ha approvato il 14 gennaio 2014 la mozione 3-00311 sulla tutela del made in Italy agroalimentare e la lotta alla contraffazione.

Il Governo, attraverso il sottosegretario alle politiche agricole, ha risposto il 15 maggio 2014 all’interrogazione Camera 5-02798 sulle misure di contrasto delle frodi alimentari.


GESTIONE DEI RIFIUTI E AMBIENTE

Il Ministro dell’Ambiente ha risposto per iscritto il 30 novembre 2017 all’interrogazione Camera 4-01007 sulle misure per la tutela dell’ambiente e per contrastare la gestione illecita dei rifiuti in provincia di Aversa

Il Ministro dell’Ambiente ha risposto per iscritto il 6 ottobre 2017 all’interrogazione Camera 4-17370 sulle misure, anche di natura legislativa, per contrastare il fenomeno degli incendi dolosi e dei danni all’ambiente. Vedi anche la risposta alle interrogazioni Senato 4-07847  e  Camera 4-17319

Il sottosegretario alla Giustizia ha risposto alla Camera, il 28 aprile 2017, all’interpellanza 2-01749 sulle misure già adottate, e su quelle in discussione in Parlamento, per contrastare le infiltrazioni della criminalità organizzata nel settore ambientale

Il Ministro dell’Ambiente ha risposto per iscritto all’interrogazione Camera 4-15615 sull’attuazione del progetto Miapi (Monitoraggio e Individuazione Aree Potenzialmente Inquinate) per il contrasto delle ecomafie

Il Ministro dell’Ambiente ha risposto per iscritto alle interrogazioni 4-13833, 4-01886 e 4-02792 sulle misure adottate nella Terra dei fuochi

Il Ministro dell’Ambiente ha risposto al Senato, il 19 gennaio 2016, ad alcune interrogazioni sulla gestione del ciclo dei rifiuti, con particolare riferimento alla bonifica dei siti di interesse nazionale

Il Ministro dell’Ambiente ha risposto per iscritto, il 6 dicembre 2016, all’interrogazione 4-07054 sullo smaltimento illecito di rifiuti nella zona di Giugliano (Napoli)

Il sottosegretario all’Interno ha risposto per iscritto l’11 ottobre 2016, all’interrogazione 4-14173 sulle misure adottate per contrastare i continui incendi di rifiuti ad opera di gruppi criminali che si verificano nella Terra dei fuochi. Sullo stesso tema il rappresentante del Governo ha risposto al Senato, il 15 settembre 2016, all’interrogazione 3-02098

Il Governo, attraverso il sottosegretario all’Ambiente, ha risposto presso la XIII Commissione del Senato, in data 31 luglio 2014, all’interrogazione 3-00801 riguardante i procedimenti penali per gli illeciti commessi nella Terra dei fuochi.

La Camera ha approvato il 5 novembre 2013 alcuni atti di indirizzo riguardanti le iniziative di bonifica dei siti inquinati di interesse nazionale, con particolare riferimento alla situazione nella cosiddetta Terra dei fuochi anche con riferimento alle Infiltrazioni organizzazioni criminali nella gestione dei rifiuti.

Il Governo, attraverso il Ministro dell’Ambiente, ha risposto alla Camera, in data 16 ottobre 2013, all’interrogazione 3-00384 e altre riguardanti le iniziative per contrastare le infiltrazioni della criminalità organizzata nella gestione dei rifiuti illeciti.


GIOCO D’AZZARDO

Leggi questa scheda.


INCANDIDABILITA’ ED APPLICAZIONE DELLA LEGGE SEVERINO

Leggi questa scheda


INTIMIDAZIONI AD AMMINISTRATORI LOCALI, ESPONENTI POLITICI E MAGISTRATI

Leggi questa scheda


ORDINAMENTO PENITENZIARIO

Il sottosegretario di Stato per la Giustizia ha risposto nella seduta del 5 novembre 2017 ha risposto all’interrogazione 3-03410 e all’interpellanza 2-01702 sullo stesso tema delle criticità relative agli istituti penitenziari della Sardegna

La sottosegretaria di Stato per la Giustizia ha risposto il 10 novembre 2017 alla Camera all’interpellanza urgente 2-01998 sui problemi generali di applicazione del 41 bis (leggi questa scheda)

Il sottosegretario di Stato per la Giustizia ha risposto alla Camera, il 7 marzo 2017, all’interrogazione 3-02849 sulla revoca dell’articolo 41-bis nei confronti di Aldo Ercolano, nipote di Benedetto Santapaola

Il Ministro della Giustizia ha risposto per iscritto, in data 3 febbraio 2017, all’interrogazione Senato 4-06888 sulle riflessioni in atto in ordine alla concreta attuazione dell’istituto del 41 bis

Il Ministro della Giustizia ha risposto per iscritto, in data 14 novembre 2016, all’interrogazione Camera 4-10255 sulle ragioni della scarcerazione anticipata di Paolo Rosario De Stefano, già sottoposto al regime speciale di cui all’articolo 41-bis.

Il Governo, con il sottosegretario alla Giustizia, ha risposto in data 16 gennaio 2014 all’interpellanza 2/00810 sulla sospensione dell’applicazione del regime carcerario di cui all’articolo 41-bis dell’ordinamento penitenziario a carico di Aldo Ercolano.


SCIOGLIMENTO DI AMMINISTRAZIONI LOCALI

Leggi questa scheda.


TESTIMONI E COLLABORATORI DI GIUSTIZIA

Il Vice ministro dell’Interno ha risposto alla Camera, il 28 luglio 2016, all’interrogazione 5-06844 sulla normativa riguardante i testimoni e collaboratori di giustizia, con particolare riferimento al caso del sig. Augusto Di Meo, testimone oculare dell’omicidio di don Peppe Diana.

Il Vice ministro dell’Interno ha risposto per iscritto, il 28 giugno 2016, alle interrogazioni 4-05809 e 4-08101 sulle misure di protezione adottate nei confronti del sig. Luigi Leonardi, vittima di estorsioni e collaboratore di giustizia.

Il Vice Ministro dell’Interno ha risposto il 27 gennaio 2016, presso la II Commissione della Camera, all’interrogazione 5-07507 sul programma di protezione di un collaboratore di giustizia.

Il rappresentante del Governo ha risposto, in data 31 luglio 2015, alle interrogazioni a risposta scritta 4-05954 e 4-0661, fornendo elementi sulle prime assunzioni nella pubblica amministrazione dei testimoni di giustizia e sulla costituzione della commissione centrale per le misure di protezione di cui al d.l. 8/91.

Il rappresentante del Governo ha risposto, in data 8 aprile 2015, all’interrogazione a risposta scritta 4-08051, fornendo elementi sia sulle misure adottate a favore di un imprenditore di Altamura vittima del racket estorsivo sia, più in generale sugli stanziamenti esistenti per i programmi di protezione e sulle più recenti misure legislative volte a facilitare l’accesso nella pubblica amministratore dei collaboratori di giustizia.

Il Senato ha discusso nelle sedute del 29 ottobre 2014 (clicca qui e qua), la relazione della Commissione antimafia, approvando una risoluzione in materia; l’Assemblea della Camera ha discusso la relazione il 21 aprile 2015 ed il 22 aprile 2015, approvando all’unanimità una risoluzione condivisa anche dal Governo (per maggiori informazioni leggi questa scheda).


TRASPARENZA DELL’ATTIVITA’ AMMINISTRATIVA

Il Ministro dell’Economia e delle Finanze ha risposto alla Camera il 29 novembre 2017 e il 30 novembre 2017 alle interrogazioni 3-03395  3-03396 e 5-12843 sulle iniziative assunte in seguito alle indagini giudiziarie riguardanti un componente dello staff del Ministro dell’Economia. Sullo stesso tema vedi anche l’interrogazione Senato 4-08442 e l’interrogazione Camera 4-18670.

Il sottosegretario di Stato per l’Interni ha risposto per iscritto alla Camera, l’11 ottobre 2017, all’interrogazione 4-17127, sulla piena ed effettiva realizzazione del diritto di accesso agli atti da parte dei Consiglieri comunali

Il sottosegretario alla Giustizia ha risposto alla Camera, il 28 aprile 2017, all’interpellanza 2-01773 sulla trasparenza del sistema della dirigenza sanitaria

Il sottosegretario per il Beni culturali ha risposto alla Camera, il 28 aprile 2017, all’interpellanza 2-01771 sulla trasparenza delle procedure di assunzione e di gara dell’Enit

Il Ministro della Giustizia ha risposto per iscritto, il 31 marzo 2017, all’interrogazione Camera 4-09631 sui criteri applicativi della normativa sulle incompatibilità e inconferibilità degli incarichi amministrativi

Il rappresentante del Governo ha risposto presso la Commissione Finanze della Camera, il 23 marzo 2017, all’interrogazione 5-10789 su Riscossione Sicilia. Vedi anche l’altra risposta del rappresentante del Governo, sempre in data 23 marzo 2017, all’interrogazione 5-10789.

Il sottosegretario allo sviluppo economico ha risposto il 14 marzo 2017, presso la Commissione Finanze al Senato, all’interrogazione 3-03351 su alcuni appalti gestiti dalla Consip.

Il rappresentante del Governo ha risposto al Senato, il 23 febbraio 2017, all’interrogazione 3-03311 sul rispetto degli obblighi di trasparenza da parte dell’Enit.

Il sottosegretario all’Interno ha risposto il 6 dicembre 2016, presso la Commissione Affari costituzionali della Camera, all’interrogazione 5-06045 sulle irregolarità riscontrate nell’affidamento di incarichi professionali da parte del comune di Santa Marina (Salerno).

Il Presidente del Consiglio ha risposto il 4 maggio 2016, alla Camera, all’interrogazione 3-02235 sulla trasparenza delle fondazioni legate a esponenti politici.

Il Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione ha risposto alla Camera, il 3 febbraio 2016, all’interrogazione 3-01974 sulle misure da adottare per assicurare la massima trasparenza nella pubblica amministrazione e punire i dipendenti corrotti.

Il rappresentante del Ministero dell’Interno ha risposto per iscritto il 16 dicembre 2015 alla Camera all’interrogazione 4-10196 sui compensi spettanti agli amministratori di due società oggetto  di provvedimenti di gestione straordinaria ai sensi del  decreto legge n. 90 del 2014.

La Camera ha discusso nelle sedute del 26 ottobre 2015 e 28 ottobre 2015 le mozioni presentate da diversi gruppi parlamentari sulla trasparenza delle procedura di nomina dei membri dei consigli di amministrazione delle società partecipate dallo Stato e dagli altri enti pubblici.

Il Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione ha risposto alla Camera, il 21 luglio 2015 alle interrogazioni 3/01627 e 3/01629 su casi di discriminazione ai danni di lavoratori che avevano denunciato irregolarità avvenute sul luogo di lavoro, illustrando lo stato di attuazione della normativa sul whistleblowing.

Il Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione ha risposto alla Camera, il 15 aprile 2015 all’interrogazione 3/01432 esponendo le misure adottate dal Governo, per il tramite dell’Autorità nazionale anticorruzione, per garantire il rispetto della normativa in materia di trasparenza da parte delle società partecipate dalle pubbliche amministrazioni o da esse controllate.


VITTIME DI RACKET ED USURA

Il sottosegretario agli Interni ha risposto presso la Commissioni Affari costituzionali della Camera, il 3 agosto 2017, all’interrogazione 5-12043 sulla composizione e funzionamento del Comitato di solidarietà per le vittime dell’estorsione e dell’usura.

Il sottosegretario agli Interni ha risposto alla Camera, il 31 gennaio 2017, all’interrogazione 3-02540 sui ripetuti atti intimidazione ai danni di una società di ristorazione operante a Gioia del Colle (Bari)

Il Vice ministro dell’Interno ha risposto per iscritto, il 28 giugno 2016, alle interrogazioni 4-05809 e 4-08101 sulle richieste di accesso al fondo per le vittime di estorsioni e usura del sig. Luigi Leonardi e delle misure di protezione adottate nei suoi confronti.

Il sottosegretario agli Interni ha risposto alla Camera, il 18 marzo 2016, all’interpellanza 2–01315 sul rimborso delle spese processuali a carico del Fondo di rotazione per la solidarietà alle vittime dei reati di tipo mafioso.

Il Vice Ministro dell’Interno ha risposto il 4 giugno 2015, al Senato, all’interrogazione 3-00674 sulle misure – in atto e su quelle allo studio – per migliorare il sistema di protezione dei testimoni di giustizia e favorirne anche l’inserimento nel mondo del lavoro.

Il Ministro dell’Interno ha risposto alla Camera, in data 22 ottobre 2014 all’interrogazione 3-1111, riguardante le misure adottate nei confronti di un imprenditore calabrese oggetto di intimidazioni da parte della criminalità organizzata.


ATTIVITA’ GENERALI DI CONTRASTO DELLA CORRUZIONE E DELLE ORGANIZZAZIONI CRIMINALI

Il sottosegretario agli Interni ha risposto per iscritto, il 22 dicembre 2017, alle interrogazioni Camera 4-15404 e 4-15105 sulla presenza di gruppi criminali italiani e stranieri nelle Marche

Il Ministro del Lavoro ha risposto alla Camera, il 13 dicembre 2017, all’interrogazione 3-03432 sui fenomeni di corruzione ed irregolarità da parte di false cooperative

L’Assemblea di Montecitorio ha discusso nelle sedute del 4 dicembre 2017 e 6 dicembre 2017 il tema della corruzione, dei conflitti di interesse, delle sponsorizzazioni e della scarsa trasparenza delle spese nel settore sanitario, approvando alcuni atti di indirizzo sulle misure da adottare per contrastare tali fenomeni.

Il Sottosegretario di Stato alla Giustizia ha risposto, il 28 novembre 2017, in Commissione all’interrogazione 5-12754  su importanti accordi bilaterali con la Colombia nel settore della giustizia penale (testo della risposta).

Il Ministro della Giustizia ha risposto alla Camera, il 22 novembre 2017, all’interrogazione 3-03379  sulle iniziative, anche normative, volte a contrastare il radicamento e lo sviluppo della criminalità organizzata.

Il sottosegretario all’Interno ha risposto per iscritto, il 27 ottobre 2017, all’interrogazione Senato 4-07543 sulla presenza di gruppi criminali italiani e stranieri nelle Marche.

Il Ministro dell’Interno ha risposto alla Camera, il 25 ottobre 2017, all’interrogazione n. 3-03322 sulle misure per contrastare la forte presenza della criminalità organizzata in Puglia ed in particolare e nel Gargano

Il Ministro per i rapporti con il Parlamento ha risposto alla Camera, il 27 settembre 2017, all’interrogazione 3-03276 sui fenomeni corruttivi relativi a concorsi universitari, emersi da recenti indagini della Guardia di finanza e sulle misure che il Governo intende adottare, d’intesa con l’Anac, per contrastare tali fenomeni. Vedi anche l’interrogazione Camera 5-12346

Il rappresentante del Governo ha risposto alla Camera, il 22 settembre 2017, all’interpellanza 2-01939 sui fenomeni di corruzione e abuso recentemente registratisi all’interno delle Agenzie fiscali

Il sottosegretario alla Salute ha risposto il 6 settembre 2017, presso la Commissione Affari sociali della Camera, all’interrogazione 5-11030 sulle iniziative di contrasto della corruzione nel comparto sanitario, con particolare riferimento ad alcune aziende sanitarie campane.

Il sottosegretario agli Interni ha risposto alla Camera, il 21 luglio 2017, all’interpellanza 2-01894  sui fenomeni di infiltrazione della criminalità organizzata nel settore dell’estrazione del porfido in provincia di Trento

Il sottosegretario alla Giustizia ha risposto alla Camera, il 21 luglio 2017, all’interpellanza  2-01879 concernente la situazione della procura di Siracusa.

Il Vice Ministro dell’Interno ha risposto il 5 luglio 2017 all’interrogazione Senato 4-06735 sulle indagini in corso su attività di riciclaggio di denaro ed estorsione da parte di gruppi criminali campani.

Il sottosegretario all’Interno ha risposto il 20 giugno 2017 alle interrogazioni Camera 3-02922 e 3-03088 sulla situazione dell’ordine pubblico nella provincia di Matera.

Il sottosegretario all’Interno ha risposto il 15 giugno 2017, presso la Commissione della Camera, all’interrogazione 5-11426 sui fenomeni di criminalità nella città di Taranto.

Il sottosegretario all’Interno ha risposto per iscritto all’interrogazione Camera 4-08929 sulle misure di contrasto della criminalità nella provincia di Foggia e alle interrogazioni Senato 4-03780 e 4-06996.

Il rappresentante del Governo ha risposto alla Camera, il 29 marzo 2017, all’interrogazione 5/10966 sulle misure in atto per contrastare la presenza delle organizzazioni criminali in Puglia

Il Ministro dell’Interno ha risposto alla Camera, il 15 marzo 2017, a due interrogazioni (clicca qui e qua) sulle misure per contrastare la criminalità diffusa

La Commissione Finanze della Camera ha approvato il 23 febbraio 2017 una risoluzione sul contrasto ai fenomeni di riciclaggio dei capitali, con riferimento anche alle organizzazioni criminali di stampo mafioso.

Il Ministro della Giustizia ha risposto alla Camera, il 1° febbraio 2017, all’interrogazione 3–02745 sulla situazione di alcuni importanti processi in Veneto e sulle prospettive di riforma della disciplina della prescrizione.

Il sottosegretario alla Giustizia ha risposto al Senato, il 26 gennaio 2017, all’interrogazione 3-02890 sull’adeguamento degli organici del tribunale di Reggio Emilia, necessario in particolare per lo svolgimento del processo “Aemilia”, riguardante un’associazione per delinquere di matrice calabrese, ma localizzata in Emilia-Romagna. In precedenza Il Ministro della Giustizia aveva risposto per iscritto, il 24 ottobre 2016, all’interrogazione Camera 4- 11474 sull’attività di supporto garantita dal Ministero per lo svolgimento dello stesso processo, con riferimento sia all’udienza preliminare che alla fase dibattimentale; anche il sottosegretario alla Giustizia aveva risposto alla Camera, il 23 febbraio 2016, ad alcune interrogazioni sui problemi logistici legati al medesimo processo.

Il Ministro della Giustizia ha risposto per iscritto, il 13 dicembre 2016, alle interrogazioni Camera 4-12604, 4-04377, 4-13871, 4-14469, 4-13820, 4-11435, 4-04618, 4-09252, 4-13871, 4-03766, 4-07661, 4-07095, 4-04095, 4-12375, 4-09415, 4-05590 e 4-12024 sulle politiche di riqualificazione e potenziamento del personale e delle strutture dell’amministrazione della giustizia, con particolare riferimento agli uffici giudiziari di Reggio Calabria, Palmi, Catanzaro, Messina, Vicenza, Lodi, Patti, Siracusa, Siena, Fermo, Gorizia, Caltagirone, Desio e Bergamo.

Il Ministro della Giustizia ha risposto per iscritto, il 13 dicembre 2016, all’interrogazione Camera 4-08600 riguardante l’estradizione dalla Russia di Nicola Di Mauro, ritenuto una figura di spicco del clan mafioso dei Fasciani di Ostia.

Il Ministro della Giustizia ha risposto per iscritto, il 13 dicembre 2016, all’interrogazione Camera 4-13428 sull’attività delle organizzazioni criminali nelle campagne siciliane e sulle indagini giudiziarie successive all’attentato ai danni del presidente dell’ente parco Nebrodi.

Il Senato ha discusso il 25 ottobre 2016 (clicca qui e qua) alcuni atti di indirizzo riguardanti il tema dell’immigrazione, che affrontano anche le problematiche del contrasto della tratta di esseri umani, della tutela dei minori non accompagnati e della trasparenza delle procedure di gestione dei centri di accoglienza. Sullo stesso tema vedi anche la risposta del Governo in Commissione Affari costituzionali della Camera, il 23 novembre 2016, in risposta alle interrogazioni 5-04529 e 5/07613. Sull’attività svolta dalle commissioni territoriali nell’ambito delle procedure per il riconoscimento della protezione internazionale vedi la risposta del Governo all’interrogazione Camera 4-12542.

La Commissione Giustizia della Camera ha approvato il 26 ottobre 2016 la risoluzione 7-01121 sulle procedure di estradizione con gli Emirati arabi, con particolare riferimento al caso di Amedeo Matacena. Sullo stesso tema vedi anche l’interrogazione Camera 5-10155.

Il sottosegretario all’Ambiente ha risposto al Senato, il 21 settembre 2016, all’interrogazione 3-02903 sulle attività illecite nel trattamento dei rifiuti degli autoveicoli fuori uso

Il rappresentante del Governo ha risposto per iscritto, il 15 settembre 2016, all’interrogazione 4-09128  sulle misure per contrastare i tentativi di condizionamento delle consultazioni elettorali, con particolare riguardo alla situazione di Salerno e Battipaglia.

Il sottosegretario alla Giustizia ha risposto al Senato, il 15 settembre 2016, all’interrogazione 3-02865 sull’utilizzo delle risorse del Fondo unico per la giustizia a favore degli uffici giudiziari, in particolare di quelli di Bari.

Il sottosegretario alla Giustizia ha risposto al Senato, il 15 settembre 2016, all’interrogazione 3-02064 sulla vicenda giudiziaria relativa all’omicidio del giudice Rocco Chinnici.

Il Ministro della Giustizia ha risposto per iscritto, il 28 luglio 2016, all’interrogazione Senato 4-05029 sulle misure legislative in corso di approvazione per garantire lo svolgimento del processo nei confronti del clan Spada di Ostia, con specifico problema al reperimento di interpreti di lingua sinti.

Il sottosegretario all’Interno ha risposto per iscritto, il 24 maggio 2016, all’interrogazione 4-07937 sulle misure per contrastare il fenomeno della tratta e dello lo sfruttamento dei minori da parte della criminalità organizzata. Vedi anche la risposta all’interrogazione 4-12912 e quella all’interrogazione 4-11999.

Il rappresentante del Governo ha risposto al Senato, in data 19 maggio 2016, alle interrogazioni 3-02394 e 3-02860 riguardanti il contrasto delle organizzazioni criminali radicate nel territorio di Vibo Valentia, affrontando anche il tema del processo di accorpamento delle prefetture.

Il Sottosegretario per il lavoro e le politiche sociali ha risposto alla Camera, il 22 aprile 2016, all’interpellanza 2-01344 sul fenomeno delle false cooperative.

Il Vice Ministro per l’Interno ha risposto il 20 aprile 2016, presso la Commissione Affari costituzionali della Camera, all’interrogazione 5-08429 sulle misure adottate per contrastare le infiltrazioni della criminalità organizzata in Umbria.

Il sottosegretario per l’Interno ha risposto il 5 aprile 2016 all’interrogazione 3-02138 riguardante le possibili infiltrazioni della criminalità organizzata nel settore dei rifiuti.

Il sottosegretario per l’Interno ha risposto il 5 aprile 2016 alle interrogazioni 3-02011, 3-02152 e 3-02153 riguardanti il fenomeno della scomparsa di minori stranieri non accompagnati e sul primo Piano nazionale d’azione contro la tratta e lo sfruttamento degli esseri umani.

Il sottosegretario per l’Interno ha risposto il 5 aprile 2016 all’interpellanza 2-01133 sulle misure adottate per contrastare l’escalation della criminalità nella provincia di Bari.

Il rappresentante del Governo ha risposto il 4 marzo 2016, presso la VI Commissione della camera, all’interrogazione 5-07988 sull’attività delle organizzazioni criminali nel settore delle scommesse nel calcio dilettantistico.

Il rappresentante del Governo ha risposto alla Camera, il 23 febbraio 2016, ad alcune interrogazioni riguardanti le misure volte a garantire l’ordine pubblico nelle regioni Basilica e Marche.

Il sottosegretario alla Giustizia ha risposto il 5 febbraio 2016, presso la Camera, all’interpellanza 2-01241 sulla fattispecie di concorso esterno in associazione di tipo mafioso, con particolare riferimento al caso Contrada.

Il sottosegretario alla Giustizia ha risposto il 21 gennaio 2016, presso la II Commissione della Camera, all’interrogazione 5-07464 sulle carenze di organico della Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro.

Il Vice Ministro dell’Interno ha risposto al Senato il 14 gennaio 2016 all’interrogazione 3-02332 sulle misure di protezione del un giornalista televisivo Michele Inserra oggetto di atti di intimidazione da parte della ‘ndrangheta calabrese.

Il rappresentante del Ministero dell’Interno ha risposto per iscritto alla Camera il 22 dicembre 2015 all’interrogazione 4-04349 sulle operazioni di contrasto alla criminalità organizzata in Campania, con particolare riferimento alla provincia di Nola.

Il rappresentante del Ministero dell’Interno ha risposto per iscritto al Senato il 14 dicembre 2015 all’interrogazione 4-04910 su presunti episodi di voto di scambio a Eboli (Salerno) alle elezioni amministrative del maggio 2015.

Il rappresentante del Ministero dell’Interno ha risposto per iscritto alla Camera il 16 dicembre 2015 all’interrogazione 4-06151 sulle iniziative di contrasto della criminalità organizzata con particolare riferimento alla situazione dell’entroterra calabrese.

Il sottosegretario all’Interno ha risposto in commissione alla Camera, il 26 novembre 2015, all’interrogazione 5-07097 sulle iniziative di contrasto della criminalità organizzata in Umbria (in particolare nella provincia di Perugia) e sulle misure di protezione del giornalista Michele Inserra.

Il Ministro dell’Interno ha risposto il 7 ottobre 2015, alla Camera, all’interrogazione 3-01750 sulle più recenti misure adottate dal Governo per contrastare la criminalità organizzata a Napoli.

Il vice ministro dell’Interno ha risposto il 29 settembre 2015, alla Camera, all’interrogazione 2-01091 sulla riorganizzazione del ministero dell’Interno e delle sue articolazioni periferiche e sui rilessi nella lotta alla criminalità organizzata. Sullo stesso tema vedi anche l’intervento del Ministro dell’Interno nella seduta del 7 ottobre 2015 della Camera, in risposta all’interrogazione 3-01751quello del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio nella seduta del 9 ottobre 2015, in risposta all’interpellanza 2-01102 e l’intervento del sottosegretario all’Interno nella seduta del 14 ottobre 2015 della commissione affari costituzionali della Camera, in risposta alle interrogazioni 5-064795-06610. Più  di recente vedi le risposte del Governo del 22 dicembre 2015 alle interrogazioni 4-10567, 4-10353, 4-10558, 4-10377, 4-10870 e 4-10337.

Il sottosegretario all’Interno ha risposto l’11 settembre 2015, alla Camera, all’interrogazione 2-01067 sulle misure adottate per contrastare la criminalità organizzata nella città di Napoli.

Il sottosegretario all’Economia ha risposto il 17 luglio 2015 alla Camera, all’interpellanza 2-01010, illustrando i risultati delle operazioni di forze dell’ordine e magistratura nei confronti di organizzazioni criminali operanti in Toscana, di origine cinese, per riciclaggio di denaro proveniente da attività illecite (contrabbando, contraffazione, sfruttamento di manodopera clandestina etc) e le attività di contrasto del fenomeno della contraffazione.

Il sottosegretario all’Interno ha risposto il 1° luglio 2015, presso la Commissione Affari costituzionali della Camera, all’interrogazione 5-05919 sulle attività di indagine volte a prevenire infiltrazioni della criminalità organizzata nella provincia di Verona.

Il sottosegretario all’Istruzione ha risposto il 12 giugno 2015, alla Camera, all’interpellanza 2-01004 sulle misure per l’avvio del procedimento disciplinare e l’irrogazione di sanzioni ai dipendenti pubblici responsabili di reati a danno della pubblica amministrazione.

Il sottosegretario allo Sviluppo economico ha risposto il 12 giugno 2015, alla Camera, all’interpellanza 2-00965 sull’erogazione sull’assenza di fondi per lo svolgimento dell’attività di vigilanza e revisione delle cooperative, alcune delle quali coinvolte in gravi episodi di corruzione.

Il rappresentante del Ministero degli Interni ha risposto a numerose interrogazioni concernenti la chiusura di alcuni presidi della Polizia di Stato nelle diverse aree del Paese, nel quadro del piano di razionalizzazione della presenza delle forze dell’ordine sul territorio: vedi in particolare i fascicoli allegati alle sedute dell’Assemblea della Camera dell’11 giugno 201512 giugno 201515 giugno 2015, il fascicolo 86 del Senato e la risposta del Governo alle interrogazioni 4-09367, 4-03783 e 3-01727.

Il Ministro della difesa ha risposto per iscritto al Senato, in data 12 maggio 2015, all’interrogazione 4-03317 sulle misure adottate in seguito alla truffa sulla fornitura di carburante alla marina militare evidenziata da un’inchiesta giudiziaria.

Il rappresentante del Ministero della Giustizia ha risposto alla Camera, in data 12 maggio 2015, all’interpellanza 2-00744 sulle misure, anche di carattere normativo, per contrastare dei fenomeni di corruzione nella pubblica amministrazione.

Il Governo, attraverso il Vice Ministro dell’Interno, ha risposto presso la 1° Commissione della Camera, in data 16 aprile 2015, all’interrogazione 5-5347 sull’esistenza di collegamenti tra organizzazioni terroristiche internazionali e criminalità organizzata italiana.

Il Governo, attraverso il Vice Ministro dell’Interno, ha risposto alla Camera, in data 27 marzo 2015, all’interpellanza urgente 2/00904, riguardante la presenza di organizzazioni criminali nella provincia di Bari, con particolare riferimento al comune di Altamura.

Il Governo, attraverso il Vice Ministro dell’Interno, ha risposto alla Camera, in data 19 dicembre 2014, all’interpellanza urgente 2/0785, riguardante la presenza di organizzazioni mafiose in Umbria, ed in particolare nella provincia di Perugia.

Il Governo, per il tramite del Ministro dello sviluppo economico, ha risposto alla Camera, in data 17 dicembre 2014, all’interrogazione 3/ 01233, riguardante le iniziative assunte dall’esecutivo con riferimento alle cooperative coinvolte nell’inchiesta “mafia di mezzo”.

Il Senato ha discusso il 29 ottobre 2014 (clicca qui e qua) la relazione della Commissione antimafia sulle iniziative da assumere nel corso del semestre di presidenza italiana dell’Unione europea, approvando una risoluzione in materia. Anche la Camera ha discusso la relazione in data 17 novembre 2014 (per maggiori informazioni leggi questa scheda).

Il Governo ha risposto alla Camera, in data 27 ottobre 2014, all’interrogazione 3/00698 su episodi di criminalità organizzata nella provincia di Taranto.

Il Governo ha risposto alla Camera, in data 12 novembre 2013, all’interrogazione 3-00216 sulla lotta alla criminalità organizzata nel comune di Ardea (Roma).

Inoltre il Governo ha risposto in forma scritta ai seguenti atti di sindacato ispettivo:

Si segnala infine che il Governo ha accolto come raccomandazione  due ordini del giorno presentati al Senato (9/825/6 del 18/07/2013  e  9/1582/15 del 5/8/2014) sulla ricostituzione di un presidio della Direzione investigativa antimafia presso l’aeroporto di Malpensa in vista di Expo 2015.

 

(Ultimo aggiornamento  23 dicembre 2017)