Premessa. Il Comma 569 dell’ultima legge di Bilancio (la n.145 del 30 dicembre 2018) prevede che “al fine di rendere effettive le norme degli  Enti  locali  che disciplinano l’orario di funzionamento degli  apparecchi”, a partire dal 1°luglio 2019 Comuni ed Enti locali potranno rivolgersi all’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli per verificare l’effettiva applicazione delle ordinanze emanate sulle limitazioni degli orari da gioco relative agli apparecchi da intrattenimento (leggi questa scheda). Una possibilità al momento limitata alla sole Videolottery (VLT), mentre per quanto concerne le slot machine (AWP) la disposizione è rimandata all’effettiva introduzione delle AWPR, le slot di nuova generazione a controllo remoto, prorogata al 2020.

I Monopoli presentano l’applicazione SMART. Nel corso di un’audizione presso la Commissione Finanze della Camera, tenutasi il 6 marzo 2019, sono intervenuti il Direttore dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, Benedetto Mineo e Carla Ramella, responsabile Direzione Dogane e Monopoli di Sogei, i quali hanno presentato ai commissari l’applicazione denominata SMART (Statistica e Monitoraggio della Raccolta Territoriale), che sarà messa a disposizione degli Enti locali per monitorare il flusso di gioco su rete fisica e la verifica dell’effettiva applicazione delle ordinanze emanate sulle limitazioni degli orari di gioco, relative agli apparecchi da intrattenimento VLT.

L’applicazione SMART, attualmente in fase di collaudo, rappresenterà due categorie di informazioni: i volumi di gioco su rete fisica e i punti vendita. I dati relativi ai volumi di gioco ad oggi disponibili si riferiscono all’ultimo triennio (2016-2018) e saranno implementati, con cadenza trimestrale, con i dati dell’anno in corso. I punti vendita saranno visualizzabili attraverso una rappresentazione cartografica.

Un ulteriore funzione consentirà la visualizzazione delle mappe in cui sono evidenziati – o possono essere integrati se non presenti – i POI (Point of Interest). Un supporto utile per tracciare le attività già presenti e quelle che richiedono un’autorizzazione ad esercitare, in relazione alle distanze dai luoghi sensibili (clicca qui per approfondire). Le mappe indicheranno scuole, ospedali e luoghi di culto, oltre ai luoghi privati attivi come esercizi che ospitano AWP, sale VLT, sale scommesse, sale Bingo, etc.

A partire dal mese di luglio sarà resa disponibile la terza funzionalità, relativa al monitoraggio degli orari di accensione degli apparecchi VLT. Il Comune potrà inserire i dati delle proprie ordinanze e regolamenti – che prevedono lo spegnimento degli apparecchi in determinate fasce orarie –ricevendo segnalazioni sulle sale da gioco, gli esercizi commerciali e  sui singoli apparecchi che hanno violato le restrizioni.

AUDIZIONE della dott.ssa RAMELLA (dal minuto 05.37)

Il 24 marzo 2019, attraverso una nota a firma di un dirigente, l’ADM ha specificato che il provvedimento con il quale saranno definite le modalità tecniche di abilitazione e di accesso all’applicazione per la messa a disposizione degli orari di funzionamento degli apparecchi VLT verrà emanato  entro il 1° giugno 2019: “I Comuni interessati sul cui territorio di competenza sono installati apparecchi Vlt potranno inoltrare le istanze di abilitazione per l’accesso all’applicativo attenendosi alle istruzioni operative fornite nel predetto provvedimento”.

Le modalità di accesso. Il 31 maggio 2019 l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha pubblicato una Determinazione sulle modalità tecniche di abilitazione e di accesso all’applicazione “SMART”. Disponibile anche una Guida operativa.

Nella determinazione viene specificato (art.2 – Modalità di abilitazione) che “Il Comune che intenda accedere alle funzionalità di monitoraggio degli orari di funzionamento degli apparecchi VLT ubicati nel territorio di competenza deve  richiedere all’Agenzia delle dogane e dei monopoli l’abilitazione all’utilizzo dell’applicativo previsto dal decreto direttoriale n. 31516/R.U. del 22 febbraio 2019, inviando, tramite la casella istituzionale di posta elettronica certificata, all’indirizzo accesso.smart.orari@pec.adm.gov.it e, per conoscenza, all’indirizzo assistenza.smart.orari@pec.sogei.it, apposita comunicazione contenente la richiesta di abilitazione all’accesso da parte del rappresentante legale del Comune o da parte di un suo delegato e l’indicazione del soggetto incaricato alla gestione delle utenze per il Comune, corredata da un file excel debitamente compilato secondo le istruzioni fornite nella guida operativa predisposta dal partner tecnologico Sogei S.p.A.”

All’articolo 4 si evidenzia che “il numero massimo di utenze attivabili per l’accesso all’applicativo di monitoraggio degli orari di funzionamento degli apparecchi VLT è determinato in funzione delle fasce di abitanti residenti nel Comune risultante dalle elaborazioni ISTAT”:

  • 2 per Comuni con numero di residenti sino a 4.999
  • 4 per Comuni con numero di residenti compresi tra 5.000 e 9.999
  • 7 per Comuni con numero di residenti compresi tra 10.000 e 19.999
  • 12 per Comuni con numero di residenti compresi tra 20.000 e 99.999
  • 20 per Comuni con numero di residenti compresi tra 100.000 e 249.999
  • 25 per Comuni con numero di residenti superiori a 250.000 fino a 999.000
  • 35 per Comuni con numero di residenti superiori a 1.000.000

Ulteriori specifiche. La determinazione risponde a due criticità sollevate da alcuni concessionari e oggetto di una serie di ricorsi al TAR del Lazio.

  • SMART non riconosce la differenza tra una VLT in funzione perché sta accettando delle giocate e una VLT in funzione perché è in manutenzione o sta effettuando degli aggiornamenti;
  • inoltre i concessionari hanno posto il problema delle sessioni di gioco – che possono durare alcune decine di minuti – iniziate in una fascia oraria consentita e che si concludono in una fascia oraria in cui vige il divieto.

In merito a questo l’ADM – all’articolo 5 comma 2 e 3 della Determinazione – specifica quanto segue: “L’apparecchio è in stato di manutenzione solo qualora sia stato
previamente inviato dal sistema di gioco del concessionario al sistema di controllo lo
specifico messaggio telematico previsto nelle specifiche di cui al ‘Protocollo di
comunicazione comma 6b’ pubblicato sul sito istituzionale di ADM….Il sistema di gioco VLT del concessionario registra l’orario di inizio e fine delle singole partite. L’applicativo segnala in automatico l’anomalia anche degli apparecchi funzionanti su cui si stiano svolgendo partite iniziate prima dell’orario previsto per lo spegnimento degli apparecchi ma terminate successivamente. In tali casi, le segnalate anomalie possono essere giustificate dal concessionario, su eventuale richiesta del Comune, con la semplice presentazione del tabulato riportante gli orari di inizio e fine delle partite giocate sullo specifico apparecchio videoterminale”.

(a cura di Claudio Forleo, giornalista)