L’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha reso disponibili i primi dati provvisori sul mercato del gioco d’azzardo legale in Italia nel 2019 (clicca qui per i dati ufficiali del 2018). Per i dati ufficiali definitivi bisognerà attendere la pubblicazione del “Libro Blu 2019”

Glossario

Per “Raccolta” si intende l’ammontare complessivo delle puntate effettuate dalla collettività dei giocatori.  La “Spesa” corrisponde alle perdite dei giocatori ed è data dalla differenza tra “Raccolta” e “Vincite”. Corrisponde inoltre al “Ricavo” della filiera (al lordo delle somme destinate all’Erario). L’“Erario” costituisce l’ammontare totale dell’imposizione fiscale e del differenziale residuale tra Raccolta, Aggi e Vincite dei giochi che entra nelle casse pubbliche.

RACCOLTA, SPESA ED ERARIO – DATI NAZIONALI

Il volume di denaro giocato in Italia nel 2019 è aumentato del 3,5%, attestandosi sul valore di 110,5 miliardi di euro. La Raccolta pro-capite (calcolata sulla popolazione maggiorenne residente in Italia) è pari a 2.180 euro.

Aumentano anche la Spesa (19,5 miliardi: +3%) e gli incassi erariali (10,6 miliardi:+2%).


RACCOLTA E SPESA SU RETE FISICA
SUDDIVISE PER REGIONE

Di seguito la tabella dei volumi di Raccolta e Spesa, suddivisi per regione (valori espressi in euro). Va sottolineato che il dato si riferisce alla sola rete fisica, escludendo il comparto del gioco online.  Il totale della Raccolta su rete fisica è stato pari a 74,1 miliardi di euro (-1,6% rispetto al 2018)

REGIONE RACCOLTA SPESA
Abruzzo 1.971.474.297,90 473.680.886,77
Basilicata 514.728.942,04 131.664.138,83
Calabria 1.789.872.033,49 459.879.864,17
Campania 7.677.085.918,83 1.853.394.446,87
Emilia Romagna 6.037.103.065,08 1.365.584.185,09
Friuli V.G. 1.370.038.074,60 339.715.770,26
Lazio 7.607.826.797,05 1.815.726.583,99
Liguria 1.848.420.900,77 455.473.849,20
Lombardia 14.503.963.399,83 3.286.957.583,12
Marche 1.849.005.735,59 449.665.975,53
Molise 352.241.757,43 89.547.665,47
Piemonte 4.553.721.463,36 1.040.874.268,32
Puglia 4.568.909.512,79 1.137.530.543,69
Sardegna 1.631.385.196,64 466.619.673,21
Sicilia 4.561.016.050,38 1.171.898.592,07
Toscana 4.866.573.878,91 1.119.372.706,85
Trentino A.A. 1.187.395.851,83 261.309.324,98
Umbria 1.032.209.582,30 247.392.023,64
Valle d’Aosta 92.845.629,13 22.801.023,70
Veneto 6.125.170.275,94 1.442.566.684,95
TOTALE 74.140.988.363,89 17.631.655.790,71

Raccolta e Spesa – Suddivisione per Province

GIOCO ONLINE:
IL 33% DELLA RACCOLTA TOTALE

Prosegue inarrestabile la crescita della Raccolta online (gioco a distanza): nel 2019 è stata pari a 36,4 miliardi di euro (+16% rispetto al 2018), un terzo delle giocate complessive in Italia. La media nazionale – calcolata sulla popolazione maggiorenne – è di 717 euro.

Dal seguente grafico si evince il netto aumento della Raccolta online negli ultimi quattro anni (+70%), la cui incidenza sulle giocate complessive registrate in Italia è passata dal 22% del 2016 al 33% del 2019.

RACCOLTA PRO-CAPITE REGIONALE SU RETE FISICA: 
IL PRIMATO IN ABRUZZO

La successiva tabella riporta i dati del consumo pro-capite di gioco d’azzardo legale, calcolato sui giochi presenti sulla rete fisica (escluso dunque l’online), tenendo conto della popolazione maggiorenne residente. Sul podio Abruzzo, Lombardia e Campania. Chiudono la graduatoria Calabria, Basilicata e Valle d’Aosta. La media nazionale è di 1.463 euro a testa.

REGIONE RACCOLTA PRO-CAPITE (in euro)
1.     Abruzzo 1.770
2.     Lombardia 1.725
3.     Campania 1.611
4.     Emilia-Romagna 1.607
5.     Lazio 1.542
6.     Toscana 1.535
7.     Veneto 1.488
8.     Marche 1.431
9.     Liguria 1.380
10.   Umbria 1.379
11.    Trentino Alto Adige 1.353
12.   Puglia 1.353
13.   Molise 1.339
14.   Friuli Venezia Giulia 1.320
15.   Piemonte 1.230
16.   Sardegna 1.154
17.   Sicilia 1.098
18.   Calabria 1.097
19.   Basilicata 1.073
20.  Valle d’Aosta 879
MEDIA NAZIONALE 1.463

Raccolta pro capite – Suddivisione per Province

Spesa pro capite – Suddivisione per Province

CONFRONTO CON IL 2018:
IN CALO TUTTE LE REGIONI, AD ECCEZIONE DELLA SICILIA

La tabella che segue esprime la differenza (in termini percentuali) di consumo di gioco d’azzardo su rete fisica in ciascuna regione, fra il 2018 e il 2019.  I dati sono in calo su tutti i territori (ad eccezione della Sicilia): spicca il dato della Valle d’Aosta, seppur su una base di giocato complessivo molto bassa per via delle ridotte dimensioni demografiche della regione.

REGIONE DIFF. % SUL 2018
Valle d’Aosta –         25.0%
Trentino Alto Adige      –    3.8%
Emilia Romagna –         3.4%
Calabria –         3.4%
Marche –         3.2%
Lazio –         2.7%
Molise –         2.2%
Umbria –         2.1%
Toscana –         1.9%
Basilicata –         1.9%
Piemonte –         1.6%
Liguria –         1.6%
Veneto –         1.6%
Abruzzo –         1.4%
Sardegna –         1.2%
Lombardia –         1.0%
Friuli Venezia Giulia –         0.6%
Puglia –         0.5%
Campania –         0.2%
Sicilia      +    0.2%

 

(a cura di Claudio Forleo)