Raccontiamoci le mafie: il resoconto della settima giornata e gli eventi di oggi 1°ottobre

Settima giornata di appuntamenti a “Raccontiamoci le mafie”, la rassegna culturale organizzata a Gazoldo degli Ippoliti (Mn) dall’amministrazione comunale in collaborazione con Avviso Pubblico. Al centro degli incontri del 30 settembre, due temi attualissimi: l’evoluzione del fenomeno corruttivo, in relazione alle infiltrazioni mafiose nel mondo della politica, dell’imprenditoria e delle professioni, e il secolare rapporto tra mafie e uomini di Chiesa.

Nel pomeriggio, alla Biblioteca di Gazoldo, è stato presentato il libro “Anticorruzione Pop”, scritto a quattro mani da Alberto Vannucci, docente di Scienza Politica e direttore del Master in Analisi e Gestione dei beni confiscati all’Università di Pisa, e Leonardo Ferrante, già referente anticorruzione della campagna “Riparte il futuro”.

“La corruzione, come ha affermato recentemente Papa Francesco, è la mercificazione della dignità umana – ha ricordato Alberto Vannucci – A livello economico non è possibile quantificare con precisione il danno che il fenomeno procura ogni anno alle casse dello Stato. Ma un recente studio ha stimato che se l’Italia annullasse lo spread etico e di trasparenza che la divide da Paesi come la Germania, recupererebbe circa il 40% del suo attuale Prodotto Interno Lordo, oltre 800 miliardi di euro”.

È necessario affrontare la tematica del legame mafie e corruzione, partendo da un’altra terminologia – ha chiarito Leonardo Ferrante – Non più organizzazioni criminali, ma reti criminali organizzate e occulte, che mette al centro diversi soggetti. Il Codice Antimafia approvato pochi giorni fa prova, per la prima volta, a ragionare sul tema della rete e non sulle organizzazioni. Forse è il motivo per cui ha fatto arrabbiare molti”.

In serata al Comune di Gazoldo la presentazione del libro “I preti e i mafiosi. Storia dei rapporti tra mafie e Chiesa cattolica” di Isaia Sales, docente di storia delle mafie e autori di numerosi saggi sulla criminalità organizzata. Con lui Monsignor Francesco Oliva, Vescovo di Locri-Gerace, a fianco di Papa Francesco nel corso della sua visita in Calabria del 2014, in cui scomunicò gli affiliati alla ‘ndrangheta e alle altre organizzazioni mafiose.

“Se la Chiesa avesse assunto prima una forte presa di posizione sulle mafie, la nostra storia sarebbe stata diversa – ha affermato Isaia Sales – La svolta impressa da Papa Francesco, ma anche dagli altri pontefici stranieri che lo hanno preceduto, è fondamentale. Ma il messaggio di cambiamento deve arrivare a tutti i preti nelle periferie del Paese, dove la presa e il potere mafioso sono più radicati”.

“La mafia non rappresenta solo un danno economico, ma è una ferita alla dignità umana, alla spiritualità, alla società civile – ha ribadito Monsignor Francesco Oliva – La ‘ndrangheta nel corso del tempo ha occupato spazi in cui lo Stato non ha svolto le sue funzioni. Uno di quegli spazi è stato per tanto tempo la Locride, in cui adesso si è innescata una reazione. Ma c’è bisogno di un cambiamento culturale che va coltivato con coerenza e pazienza, i cui frutti verranno colti dalle generazioni future”.

Oggi, 1° ottobre, giornata di chiusura della rassegna con un ultimo appuntamento pubblico e uno spettacolo teatrale. Alle ore 17 nella sede del Comune, l’incontro “Quali mafie e quale antimafia a 25 anni dalle stragi di Capaci e via d’Amelio” con Giancarlo Caselli, magistrato già Procuratore di Palermo e Torino; Nando Dalla Chiesa, docente universitario, giornalista e scrittore; Giovanni Paparcuri, superstite della strage in cui morì il giudice Rocco Chinnici il 29 luglio 1983; Michele Albanese, giornalista e responsabile Legalità della Federazione Nazionale Stampa Italiana.

Al termine dell’incontro sarà consegnata una copia della Costituzione della Repubblica Italiana ai diciottenni del 2017 residenti nel Comune di Gazoldo degli Ippoliti.

A chiusura della rassegna, alle ore 21 presso l’Auditorium “Pigozzi” di Gazoldo, lo spettacolo teatrale di Tiziana Di Masi “Tutto quello che sto per dirvi è falso”. Regia di Maurizio Cardillo.

[button size=”medium” link=”https://www.facebook.com/pg/avvisopubblico/photos/?tab=album&album_id=1907415909507848″ type=”wide” linking=”new-window”]Guarda le foto della giornata[/button]

[button size=”medium” link=”http://www.avvisopubblico.it/home/wp-content/uploads/2017/08/Pieghevole-RLM.pdf” type=”wide” linking=”new-window”]Scarica il Programma[/button]

[button size=”medium” link=”http://www.avvisopubblico.it/home/wp-content/uploads/2017/09/RS-RLM-2017-aggiornata-30-sett..pdf” type=”wide” linking=”new-window”]Scarica la Rassegna stampa[/button]

[button size=”medium” link=”http://www.avvisopubblico.it/home/raccontiamoci-le-mafie-il-resoconto-della-sesta-giornata-e-gli-eventi-di-oggi-30-settembre/” type=”wide” linking=”new-window”]Leggi il resoconto della sesta giornata[/button]

[button size=”medium” link=”http://www.avvisopubblico.it/home/raccontiamoci-le-mafie-il-resoconto-della-quinta-giornata-e-gli-eventi-di-oggi-29-settembre/” type=”wide” linking=”new-window”]Leggi il resoconto della quinta giornata[/button]

[button size=”medium” link=”http://www.avvisopubblico.it/home/raccontiamoci-le-mafie-il-resoconto-della-quarta-giornata-e-gli-eventi-di-oggi-28-settembre/” type=”wide” linking=”new-window”]Leggi il resoconto della quarta giornata[/button]

[button size=”medium” link=”http://www.avvisopubblico.it/home/raccontiamoci-le-mafie-il-resoconto-della-terza-giornata-e-gli-eventi-del-27-settembre/” type=”wide” linking=”new-window”]Leggi il resoconto della terza giornata[/button]

[button size=”medium” link=”http://www.avvisopubblico.it/home/raccontiamoci-le-mafie-il-resoconto-della-seconda-giornata-e-gli-eventi-del-26-settembre/” type=”wide” linking=”new-window”]Leggi il resoconto della seconda giornata[/button]

[button size=”medium” link=”http://www.avvisopubblico.it/home/raccontiamoci-le-mafie-il-resoconto-della-giornata-di-apertura-e-gli-eventi-del-25-settembre/” type=”wide” linking=”new-window”]Leggi il resoconto della giornata di apertura[/button]

 

 

Condividi