Il Comune di Fumane aderisce ad Avviso Pubblico. L’intervista al Sindaco Mirco Corrado Frapporti

Il Comune di Fumane ha aderito alla nostra Associazione. Ad illustrare le ragioni di questa scelta il Sindaco della città, Mirco Corrado Frapporti.

Mirco Frapporti, Sindaco del Comune di Fumane

Mirco Corrado Frapporti, Sindaco del Comune di Fumane

Da quanto tempo ricopre la carica di Sindaco?

Dal giugno 2014.

Perché il suo Comune ha deciso di aderire ad Avviso Pubblico?

Perchè l’Associazione Avviso Pubblico riunisce e rappresenta Regioni, Province e Comuni impegnati nel diffondere i valori della legalità e della democrazia; perché in vaste zone del paese, un vero e proprio “contropotere” criminale si oppone alla legalità democratica; si fonda sull’accumulo di ricchezze illegali, esercita il dominio dei più forti sui più deboli attraverso l’uso della violenza, nega i più elementari diritti di cittadinanza, tenta di piegare ai suoi scopi le istituzioni democratiche, inquina la società e l’economia. Perché anche il nostro territorio comunale, provinciale e regionale  non è esente da  infiltrazioni e perché, responsabilmente, vogliamo essere attivamente partecipi.

 

Cosa significa per lei impegnarsi per l’affermazione della legalità e della giustizia contro le mafie e l’illegalità?

Assumersi delle responsabilità e non nascondere che l’economia si fonda anche su aspetti criminali che vanno decisamente combattuti. Con la vigilanza, ma anche impegnando l’amministrazione su iniziative culturali e di informazione.

Quali attività e progetti il suo Comune ha messo in atto per promuovere una cultura della legalità democratica?

Direi che la maggior parte delle iniziative di carattere culturale e sociale che organizziamo sono prioritariamente orientate a difesa dei pilastri della nostra democrazia; democrazia che si fonda su una bellissima carta costituzionale.

Quali ostacoli ha incontrato e quali situazioni hanno favorito il suo operato su questo versante?

Si è progressivamente sbiadito il carattere “rivoluzionario” dei nostri padri costituenti e anche la classe politica attuale ha perduto vigore nella lotta per una società più giusta. Va da se poi che un’economia (e una politica) che privilegia il valore del denaro al valore della difesa della comunità, sociale e culturale, indebolisce gli “anticorpi” anche se presenti nelle nostre radici. La collaborazione tra istituzioni ed Enti locali è ciò che può favorire l’operare per la diffusione della cultura della legalità democratica. Ma non va dato per scontato.

Il Comune di Fumane aderisce ad Avviso Pubblico

Il Comune di Fumane aderisce ad Avviso Pubblico

Cosa chiede ai partiti e a chi ci governa oggi per lottare più efficacemente contro la mafia?

Che operino affinché le garanzia di equità, lo stato sociale o il welfare, non si perdano per inseguire l’efficienza economica. Non ci può essere efficace lotta contro le mafie quando, come sottolinea l’Oxfam, “il divario tra super-ricchi e poveri è in netto aumento e l’economia è al servizio dell’1% della popolazione. In Italia l’1% più ricco è in possesso del 23,4% della ricchezza nazionale netta”. Chiedo ai partiti e a chi ci governa di fare molta attenzione, soprattutto sui temi riguardanti la criminalità organizzata perchè, purtroppo, le mafie non sono un fenomeno riguardante solo il meridione d’Italia.

Breve biografia di  Mirco Corrado Frapporti

Nato a Fumane nel 1953, è sposato e padre di tre figli. Negli anni ’70, quale formatore professionale agricolo, ha intrapreso esperienze e studi sulla lotta guidata e biologica in frutticoltura e viticoltura, attività continuata successivamente in centri di assistenza tecnica agricola sino alla scelta della nuova professione di agente assicurativo nel 1991. Partecipa attivamente alla vita politica di Fumane, della Valpolicella e della provincia di Verona: è stato consigliere, assessore e sindaco del comune di Fumane. La passione per la politica e per la vita amministrativa lo hanno sempre portato a battersi per un’’amministrazione trasparente e disinteressata. In qualità di assessore e sindaco di Fumane è particolarmente orgoglioso di essere stato il promotore nel 1998, quando ancora nessuno ci credeva, del primo progetto di raccolta differenziata dei rifiuti nella provincia di Verona; di essere stato tra i fondatori del movimento nazionale “Enti Locali per l’’Acqua Pubblica”; di aver partecipato, assieme agli assessori ai servizi sociali e alla cultura, alle iniziative per la pace, al coordinamento degli interventi sociali e della cultura con cinque comuni della Valpolicella; di aver progettato e proposto, con i Sindaci di cinque comuni della Valpolicella, all’’Amministrazione Provinciale una visione d’’insieme della “viabilità in Valpolicella” e di aver difeso l’’idea di un’’urbanistica di recupero e contenimento di consumo del territorio.

 

Resta informato sull'attività di Avviso Pubblico!

Signup now and receive an email once I publish new content.

I will never give away, trade or sell your email address. You can unsubscribe at any time.